Tartufo fresco

Tartufo nero pregiato (Tuber melanosporum Vitt.) - 100g

Il Tartufo nero pregiato (Melanosporum) è il più nobile tra i tartufi neri. A prima vista richiama sfumature rossicce ed un aroma di vino liquoroso.

Matura tra Novembre fino a Marzo. Le sue forme tondeggianti richiamano il suo terreno d'origine, prettamente sabbioso.

Come funziona l'ordine?

La grammatura  minima è di 100g, ordinabile a multipli. La dose consigliata a piatto, per questo tartufo, è di circa 10g.

Dopo la selezione, il tartufo viene preparato in appositi contenitori con ghiaccio. 

Come funziona la spedizione?

Truffle journey

Spediamo con corriere espresso il lunedì, martedì e mercoledì. Per gli ordini ricevuti entro le ore 12 Italiane, garantiamo partenza entro la giornata (previa disponibilità di prodotto). 

Gli ordini ricevuti dopo le ore 12 (ora Italiana) del mercoledì, saranno spediti il lunedì successivo.

Tempi di consegna:

  • Italia: 24 ore, ad eccezione delle Isole e delle località più remote (48 ore) 

  • Europa: 24 ore, ad eccezione delle località più remote

  • Resto del mondo: 48 ore

Attenzione: l’indirizzo di consegna indicato deve essere presidiato durante tutto l’arco della giornata.

Il corriere non avvisa preventivamente del passaggio

Prezzo riferito a 100g di prodotto escluso contributo gestione spedizione 

Prezzo* per Kg: 750,00 €

* Il prezzo del prodotto è soggetto alla disponibilità del raccolto

MELANOSPORUM

Nuovo

75,00 €


Una volta ricevuto, come si conserva e come si pulisce?

Il tartufo fresco è un fungo altamente deperibile: la sua vita è breve e per gustarlo al meglio deve essere consumato entro 5-6 giorni dal ricevimento.

Per conservarlo basta seguire questi semplici accorgimenti:

  • Una volta ricevuto, il tartufo va estratto dall’imballo di trasporto e sistemato in un contenitore da cucina, avvolgendo ogni tartufo in tovaglioli di cotone o carta. Sostituire i tovaglioli ogni giorno.
  • Conservare il tartufo in frigorifero (+2°C /+4°C) in un contenitore leggermente aperto (non ermeticamente chiuso), permettendogli in questo modo di “respirare” .
  • Quando il tartufo accenna a diventare gommoso al tatto, si consiglia di consumarlo immediatamente, in quanto ha raggiunto il massimo grado di maturazione.

Per la pulizia, da effettuarsi solo pochi minuti prima dell’uso, è molto semplice:

  • Il tartufo va spazzolato sotto acqua fredda corrente con uno spazzolino
  • Una volta eliminata la terra, va asciugato e portato in tavola

E per cucinarlo? Tutto molto semplice: il tartufo non va cucinato, ma affettato a lamelle sottili direttamente sul piatto a fine preparazione.

Abbinamenti? Uova, Pasta all’uovo, Risotto, tartare e carpaccio di carne e di pesce, filetti di pesce bianco, crostacei, zuppe e patate e verdure. E per le ricette: clicca qui

Ti consigliamo anche…